Amure

Puglia Bianco Fiano Indicazione Geografica Tipica

Terreno: di medio impasto, tendente allo sciolto con abbondante presenza di scheletro.

Vitigni: Fiano (85%). Il nome deriva da “Apianum”, perché uva prediletta dalle api per la sua estrema dolcezza. Conosciuto principalmente in Irpinia, dove dà origine al pregiato Fiano di Avellino, la presenza di questo vitigno dagli acini piccoli e ovoidali è testimoniata sin dalla seconda metà dell’800 in gran parte del sud Italia, particolarmente in Puglia, dal barese all’entroterra leccese. Allevamento Guyot. Chardonnay (15%). Proviene dalla Borgogna dove è coltivato sin dal IX secolo. È uno dei vitigni internazionali più diffusi nella penisola salentina. Allevamento Guyot.

Vendemmia: seconda/terza decade di agosto. Raccolta manuale in cassette con selezione in vigneto.

Resa: 90 quintali/ettaro

Vinificazione: l’uva diraspata viene criomacerata in ambiente ridotto e pressata moderatamente. La fermentazione avviene a temperatura controllata (15-17°C). Fermentazione indotta con lieviti selezionati.

Affinamento: in acciaio

Note caratteristiche: Paglierino brillante rivela al naso un’armonia di pera, fiori bianchi e agrumi. Al palato è fresco e piacevole con un finale morbido di frutti a polpa bianca.

Abbinamenti: piatti di pesce, insalate di mare, spigola al forno.

Servire Freddo. Alcol 13,5% VOL